Ristori per Agenzie di Viaggio e Tour operator: nuovi contributi dal 15 ottobre

Il Ministero del Turismo ha messo a disposizione nuove risorse per il settore turistico e ricettivo e dal 15 ottobre 2021 sarà possibile presentare le domande per richiedere i ristori a favore di agenzie di viaggio e tour operator che hanno subito un calo di fatturato a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19. Saranno messe a disposizione anche le risorse residue del Ristori del 2020 che verranno distribuite equamente e automaticamente a tutti quelli che ne avevano già fatto domanda lo scorso anno.

Come funziona Ristori per agenzie di viaggio e tour operator

Il Ristoro consiste nell’erogazione di un contributo a favore di agenzie di viaggio e tour operator, ripartito in base alle seguenti modalità:

  1. Le Agenzie di viaggi e i tour operator che non hanno già ottenuto il contributo ai sensi del decreto dirigenziale 15 settembre 2020, rep. 35, recante avviso pubblico ai sensi dell’art. 3 comma 2 del decreto ministeriale 12 agosto 2020 (“Fondo Mibact 2020”) possono richiedere il Ristoro a partire dal 15 ottobre 2021 e le risorse stanziate saranno pari a euro 32.000.000 per il 2021;
  2. Le Agenzie di viaggi e tour operator che hanno già ottenuto il precedente contributo ai sensi del decreto dirigenziale 15 settembre 2020, rep. 35, recante avviso pubblico ai sensi dell’art. 3 comma 2 del decreto ministeriale 12 agosto 2020 (“Fondo Mibact 2020”) riceveranno un contributo automatico (non dovranno presentare nessuna istanza) facente parte di risorse residue stanziate per il 2020 pari euro 128.710.773,95.

Le Agenzie di viaggi e tour operator che non hanno partecipato al Fondo Mibact 2020 (di cui al punto 1) possono inviare apposita istanza per ottenere un contributo a fondo perduto e l’ammontare del contributo è determinato applicando una percentuale alla differenza tra il valore del fatturato e dei corrispettivi medio mensile, calcolata per il periodo dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019 e il valore del fatturato e dei corrispettivi medio mensile per il periodo dal 1 gennaio 2020 al 30 giugno 2021, come segue:

  • 30% per i soggetti con ricavi non superiori a 400 mila euro nel periodo d’imposta 2019;
  • 20% per i soggetti con ricavi superiori a 400 mila euro e fino a un 1 milione di euro nel periodo d’imposta 2019;
  • 10% per i soggetti con ricavi superiori a 1 milione di euro e fino a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019;
  • 5% per i soggetti con ricavi superiori a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019.

Qualora i contributi così calcolati siano inferiori a euro 10.000 il contributo pro-capite garantito è, comunque, pari a tale soglia minima.

In ogni caso il contributo totale così determinato è calcolato al netto di tutti gli altri ristori già concessi per lo stesso periodo considerato e sempre a condizione che l’importo complessivo ristorato non superi la differenza tra i ricavi del 2019 e quelli del 2020.

Le agenzie di viaggi e tour operator che hanno già ottenuto il Fondo Mibact 2020 (di cui al punto 2) riceveranno il Ristoro in maniera automatica e l’ammontare del contributo è determinato garantendo a tutti gli aventi diritto una percentuale omogenea dei ristori complessivamente ricevuti, con riferimento alla perdita di fatturato e dei corrispettivi per il periodo dal 23 febbraio 2020 al 31 luglio 2020 ed il corrispondente periodo del 2019:

  • 25% della perdita di fatturato e corrispettivi per i soggetti con ricavi non superiori a 400 mila euro nel periodo d’imposta del 2019;
  • 17,5% della perdita di fatturato e corrispettivi per i soggetti con ricavi superiori a 400 mila euro e fino a un 1 milione di euro nel periodo d’imposta del 2019;
  • 12,5% della perdita di fatturato e corrispettivi per i soggetti con ricavi superiori a 1 milione di euro e fino a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta del 2019;
  • 10% della perdita di fatturato e corrispettivi per i soggetti con ricavi superiori a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta del 2019 e con un limite del contributo erogabile pari a 3 milioni di euro.

L’elenco dei beneficiari e delle quote attribuite sarà pubblicato dal Ministero del Turismo entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto.

A chi è rivolto Ristori per Agenzie di viaggio e tour operator

Il Ristoro è rivolto alle agenzie di viaggio e ai tour operator in possesso dei seguenti requisiti:

  • esercitare attività di impresa primaria o prevalente con i seguenti codici ATECO: 79.1,79.11,79.12;
  • essere costituite entro il 28 febbraio 2020;
  • non aver presentato istanza di contributo ai sensi del decreto dirigenziale 15 settembre 2020, rep. 35, recante avviso pubblico ai sensi dell’art. 3 comma 2 del decreto ministeriale 12 agosto 2020 (MIBACT);
  • essere impresa attiva e non avere procedure concorsuali in corso;
  • avere sede legale in Italia;
  • essere in regola con gli obblighi di protezione in caso d’insolvenza o fallimento;
  • non essere destinatari di sanzioni interdittive;
  • essere in regola con gli obblighi in materia previdenziale, fiscale, assicurativa;
  • assenza di condizioni ostative alla contrattazione con le pubbliche amministrazioni.

Possono richiedere il contributo anche i soggetti od enti, costituiti o autorizzati alla data del 28 febbraio 2020, che esercitano attività di agenzia di viaggio o di tour operator anche in maniera non primaria o prevalente, che siano in grado di dimostrare in maniera univoca le perdite di fatturato e corrispettivi riferibili alle predette attività.

Come e quando presentare la domanda

L’istanza deve essere presentata all’interno dello sportello telematico nel portale del Ministero del Turismo a partire dalle ore 12:00 del giorno 15 ottobre 2021 fino alle ore 17:00 del giorno 29 ottobre 2021.

Per presentare la domanda è necessario:

  • disporre di SPID o CNS;
  • disporre di firma digitale;
  • fornire i seguenti dati: importo del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1 gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019, tra il 1 gennaio 2019 e il 30 giugno 2019, tra il 1 gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2020 tra il 1 gennaio 2021 ed il 30 giugno 2021; importo dei ricavi del 2019 e del 2020;
  • dichiarare l’importo di altri contributi, a livello nazionale o regionale, eventualmente ricevuti per gli anni 2020 e 2021, con l’indicazione della tipologia/natura del ristoro.

Contattaci subito per avviare la domanda

  • Condividi questo post

Lascia un commento

Inizia una conversazione

Connettiti con un nostro operatore