Franchising: cos’è l’affiliazione commerciale e quali sono i vantaggi

Aprire una nuova attività imprenditoriale, partendo da zero, non è mai semplice.

Bisogna avere un idea chiara e precisa di quello che si vuole fare, trovare il locale adatto, decidere il layout e l’immagine che si vuole trasmettere, ideare un nome d’impatto, pensare ai canali di comunicazione da utilizzare per la promozione, preparare la documentazione necessaria all’apertura, contattare consulenti, commercialisti, notai, ingegneri, fare i conti con la burocrazia, individuare i fornitori e così via.

Che si tratti di una piccola attività locale o dello sviluppo di un brand di successo a livello nazionale o internazionale, per fare in modo che l’attività d’impresa rappresenti una reale fonte di guadagno per l’imprenditore sono necessari tanti anni di lavoro e di grandi sacrifici, economici e personali.

La soluzione ideale per un aspirante imprenditore che decide di avviare una nuova attività ma teme di non riuscire a fare i conti con tutte le problematiche da affrontare è rappresentata senza dubbio dal franchising.

Franchising: cos’è?

Il franchising, ovvero “affiliazione commerciale” è una formula di collaborazione tra un’azienda affiliante (il franchisor), proprietaria di una formula commerciale consolidata (il know-how), e un’azienda affiliata (il Franchisee) che aderisce a questa formula nel rispetto degli standard definiti dalla casa madre (il franchisor).

Secondo la definizione legislativa (Art. 1 Legge 129/2004): “ L’affiliazione commerciale (franchising) è il contratto, comunque denominato, fra due soggetti giuridici, economicamente e giuridicamente indipendenti, in base al quale una parte concede la disponibilità all’altra, verso corrispettivo, di un insieme di diritti di proprietà industriale o intellettuale relativi a marchi, denominazioni commerciali, insegne, modelli di utilità, disegni, diritti di autore, know-how, brevetti, assistenza o consulenza tecnica e commerciale, inserendo l’affiliato in un sistema costituito da una pluralità di affiliati distribuiti sul territorio, allo scopo di commercializzare determinati beni o servizi.”

Perché affiliarsi: i vantaggi

Soprattutto in situazione di crisi economica, il franchising rappresenta un’importante soluzione per tutti gli aspiranti imprenditori che intendono avviare una propria attività.

I vantaggi sono innegabili:

Prima di tutto, si beneficia dell’esperienza e della reputazione di un Brand già noto e affermato sul mercato, sfruttando il suo know-how (ovvero le competenze tecniche e commerciali identificate e sperimentate dal franchisor) e avvantaggiandosi del supporto necessario per avviare e mandare avanti l’attività.

In secondo luogo, grazie all’affiliazione, il rischio d’impresa è molto limitato e l’investimento iniziale è più ridotto rispetto all’apertura di un punto vendita indipendente. In genere, infatti, attrezzature, macchinari, arredi, softwares dedicati, etc., necessari per l’avvio dell’attività sono forniti direttamente dalla casa madre.

Inoltre, attraverso il franchising, si entra a far parte da subito di una rete più vasta e si ha la possibilità di beneficiare di azioni di comunicazione e marketing su scala nazionale che, un singolo imprenditore, difficilmente potrebbe permettersi.

Da non sottovalutare è anche il fatto che spesso per aprire un punto vendita affiliato non è richiesta nessuna esperienza nel settore di riferimento, in quanto l’affiliante offre formazione e assistenza costante sia all’imprenditore che ai dipendenti

Perchè diventare affiliante: i vantaggi

Il franchising rappresenta un grande vantaggio anche dal punto di vista dell’affiliante, che ha la possibilità di espandere il proprio marchio e la propria attività attraverso una forte ramificazione commerciale affidata direttamente agli affiliati, raggiungendo così nuove aree geografiche senza costi aggiuntivi.

Inoltre l’affiliante ottiene una maggiore reddittività grazie agli introiti derivanti dal pagamento delle fee d’ingresso e delle royalties.

Per assicurare il successo del suo marchio in franchising, l’affiliante dovrà, però, puntare su un prodotto innovativo e avere un metodo gestionale e amministrativo sufficientemente sperimentato e trasmissibile (il know-how).

Franchising: come affiliarsi

Tra affiliante e affiliato viene stipulato un contratto che fissa diritti e obbligazioni delle due parti.

L’affiliante, attraverso il contratto di affiliazione, offre all’affiliato diversi benefici, che di norma comprendono: l’utilizzo del marchio e del proprio know-how (ovvero le competenze tecniche e commerciali identificate e sperimentate dal franchisor) l’esclusività territoriale, l’assistenza in fase di apertura e post-apertura, la formazione e i corsi di aggiornamento, l’arredamento e le attrezzature, i contratti di fornitura e le campagne pubblicitarie

Il know-how è un elemento fondamentale nel franchising. Si tratta del come “saper fare”, cioè il modo originale di fare business, sperimentato dall’affiliante. I principali strumenti con i quali, nella prassi, il know-how viene trasferito dall’affiliante all’affiliato sono due: il manuale operativo, una sorta di guida che contiene le istruzioni più o meno dettagliate che l’affiliante dovrà seguire per aprire l’attività in franchising, e la formazione, che comprende non solo la trasmissione delle conoscenze tecniche, ma soprattutto tutte quelle conoscenze pratiche che non possono essere descritte nel manuale operativo.

L’affiliante, di contro, potrà richiedere all’ affiliato una fee d’ingresso, una quota d’ingresso da corrispondere una volta entrati nella sua rete di business, e le royalties, ovvero somme periodiche (mensili o annuali) da versare per l’utilizzo del marchio e per remunerarlo di tutti i servizi resi (formazione, assistenza).

Per saperne di più: www.sardegnainfranchising.it

  • Condividi questo post

Lascia un commento

Inizia una conversazione

Connettiti con un nostro operatore