Bando SIMEST: contributo per lo sviluppo di un e-commerce all’estero

Dal 28 ottobre 2021 le PMI potranno richiedere, all’interno della piattaforma SIMEST (società del Gruppo Cassa depositi e prestiti), l’agevolazione per la creazione e/o il miglioramento di una piattaforma e-commerce per la commercializzazione all’estero dei propri beni e servizi prodotti in Italia o con marchio italiano.

L’obiettivo del Bando è il rafforzamento della competitività internazionale delle PMI sostenendo lo sviluppo dell’e-commerce presso Paesi esteri.

Come funziona

Si tratta di un finanziamento a tasso agevolato con una parte di co-finanziamento a fondo perduto destinato alla realizzazione di un progetto di investimento digitale per la creazione o miglioramento di una piattaforma e-commerce di proprietà (dedicata) o l’accesso ad una piattaforma di terzi (market place) per la commercializzazione di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano. Lo sviluppo della piattaforma e-commerce può riguardare tutti i Paesi esteri. Tuttavia, ciascuna domanda di finanziamento deve riguardare un solo Paese di destinazione.

Il finanziamento a tasso agevolato pari al 10% può essere richiesto per un importo minimo pari a € 10.000 e fino ad un massimo di:

  • Per una piattaforma propria: fino a € 300.000 e comunque non superiore al 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa.
  • Per una piattaforma di terzi: fino a € 200.000 e comunque non superiore al 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa.

Il finanziamento ha durata 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

Il richiedente può chiedere una quota di co-finanziamento a fondo perduto fino al 40% per le PMI con sede operativa in una regione del Sud Italia e fino al 25% per le restanti PMI.

A chi è rivolto

L’agevolazione è rivolta alle PMI con sede legale in Italia, costituite in forma di società di capitali (oppure Reti Soggetto) che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

Le aziende devono avere un fatturato (voce A1 del conto economico) rappresentato – per una quota almeno pari al 50% – dalla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera, oppure devono commercializzare – per una quota almeno pari al 50% – prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le seguenti spese:

  • Creazione e sviluppo di una Piattaforma propria oppure dell’utilizzo di un market place: creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma; componenti hardware e software; creazione e configurazione app; spese di avvio per la creazione di un market place.
  • Investimenti per la Piattaforma propria oppure per il market place: hosting del dominio della piattaforma; fee per utilizzo della piattaforma o di un market place; investimenti in sicurezza dei dati; contenuti e soluzioni grafiche; monitoraggio accessi e tracciamento dati di navigazione; consulenze per lo sviluppo; registrazione e tutela del marchio; certificazioni internazionali.
  • Spese promozionali e formazione relative al progetto: indicizzazione piattaforma o market place; web marketing e comunicazione; formazione del personale.

Sono finanziabili le spese sostenute dalla data di arrivo della domanda di finanziamento a SIMEST, fino a 12 mesi dopo la data di stipula del contratto di finanziamento (periodo di realizzazione). Il finanziamento può coprire fino al 100% delle spese preventivate.

Come e quando presentare la domanda

La richiesta di finanziamento deve essere presentata all’interno del portale SIMEST e firmata digitalmente dal Legale Rappresentante dal 28 ottobre 2021, ma la domanda potrà essere precompilata all’interno del portale dal 21 al 27 ottobre 2021.

Contattaci subito per avviare la domanda

Lascia un commento

Inizia una conversazione

Connettiti con un nostro operatore