Al via l’edizione 2022 per il contributo a sostegno delle emittenti radiofoniche sarde: fino al 60% a fondo perduto

La Regione Sardegna ha pubblicato l’Avviso pubblico per l’edizione 2022 del contributo a fondo perduto a sostegno delle emittenti radiofoniche private e locali.

Come funziona il contributo a sostegno delle emittenti radiofoniche 2022

Si tratta di un contributo a sostegno delle spese sostenute dalle emittenti radiofoniche nel 2022 per la realizzazione e messa in onda di trasmissioni in lingua italiana sui temi della cultura (storia, archeologia, arte, spettacolo e cinema), della scuola e dello sport in Sardegna. Le spese devono essere sostenute esclusivamente per programmi realizzati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2022.

Il contributo sarà stabilito sulla base della disponibilità del capitolo di riferimento e delle richieste pervenute e ritenute ammissibili e, in ogni caso, in misura non superiore al 60% delle spese ammissibili sostenute. Per le radio web, tenuto conto del minore costo di gestione dell’emittente, è stabilito un contributo massimo di euro 10.000,00 e comunque non superiore al 60% delle spese ammissibili sostenute.

A chi è rivolto il contributo a sostegno delle emittenti radiofoniche 2022

Il contributo è rivolto alle emittenti radiofoniche private e locali e web radio, costituite in qualsiasi forma giuridica, che operino nel territorio della Sardegna, nel quale realizzino almeno il 90 per cento del fatturato.

Le emittenti radiofoniche devono possedere i seguenti requisiti:

  • iscrizione al Registro degli Operatori di comunicazione (ROC);
  • iscrizione al registro delle imprese;
  • essere costituite da almeno trentasei mesi e aver regolarmente trasmesso nell’anno precedente a quello per il quale si inoltra la richiesta di contributo;
  • presentare il rendiconto e/o il bilancio aziendale relativo all’anno precedente a quello per il quale si chiede il contributo;
  • essere in regola con il DURC;
  • essere gestore di rete e produttore di contenuti;
  • aver già trasmesso informazione locale autoprodotta;
  • presenza nel sito dell’emittente del podcast o di una sezione “archivio” strutturata dei
  • programmi;
  • avere un direttore responsabile e una struttura redazionale;
  • applicare i contratti nazionali di riferimento per i propri dipendenti.

Spese ammissibili

Sono ammesse al contributo le seguenti spese:

  • costo del personale (giornalisti e/o pubblicisti e personale tecnico per la messa in
  • onda);
  • spese di produzione e realizzazione (coordinamento e progettazione, spese tecniche, spese di redazione);
  • spese SIAE;
  • costo per gli abbonamenti alle agenzie di stampa;
  • spese per la diffusione;
  • spese per aggiornamento e manutenzione informatica (realizzazione, miglioramento e gestione di un archivio);
  • programmi e podcast di libera consultazione
  • spese di promozione su altri media;
  • spese generali, in misura non superiore al 10% del costo totale delle attività (affitto, telefono, luce, materiali di consumo, spese sostenute per la fidejussione).

Non sono ammissibili le spese per l’autopromozione (diffusione di messaggi promozionali nella propria emittente) e le spese per l’acquisto di spazi promozionali in altre emittenti radiofoniche.

Quando e come presentare la domanda

Le domande per il contributo a sostegno delle emittenti radiofoniche 2022 potranno essere inviate esclusivamente via PEC entro e non oltre il 24 Agosto 2022.

Alla domanda dovranno inoltre essere allegati: copia autentica dello statuto o dell’atto costitutivo per le società; copia del documento di identità del legale rappresentante in corso di validità; rendiconto e/o bilancio aziendale relativo all’anno precedente; Informativa sulla privacy sottoscritta per presa visione.

Contattaci subito

  • Condividi questo post

Lascia un commento

Inizia una conversazione

Connettiti con un nostro operatore